Perché la Liga ha chiesto sanzioni sportive per la Juventus

nedved agnelli cherubini juventus
Fonte: Image Photo

La Liga contro la Juventus chiedendo sanzioni, il campionato spagnolo attacca il club bianconero.

Attraverso un duro comunicato LaLiga, lega del massimo campionato spagnolo, ha preso una forte posizione dopo le dimissioni in blocco del consiglio d’amministrazione della Juventus. In una nota La Liga ha spiegato: “In seguito alle dimissioni del consiglio di amministrazione della Juventus, LaLiga chiede l’applicazione immediata di sanzioni sportive nei confronti del club”. E poi: “LaLiga ha già presentato un reclamo ufficiale contro la Juventus alla Uefa nell’aprile 2022, in cui segnalava violazioni delle norme sul fair play finanziario su cui sta indagando la Guardia di Finanza italiana. In particolare, l’accusa di aver contabilizzato i trasferimenti al di sopra del loro valore equo e di aver sottovalutato le spese dei dipendenti, in violazione del fair play finanziario della Uefa. Inoltre, la denuncia accusava la Juventus di aver nascosto il vero costo dei salari dei suoi giocatori”.

E infine: “Lunedì scorso, nella stessa nota diramata dal Consiglio di Amministrazione, i rappresentanti della Juve riconoscono gravissime irregolarità contabili, finalizzate anche a ingannare le autorità Uefa per il fair play finanziario, tra l’altro. LaLiga, con l’obiettivo di promuovere un calcio finanziariamente sostenibile in Europa, sostiene queste accuse contro la Juve e chiede che le autorità competenti applichino sanzioni sportive immediate contro il club”. Questo, dunque, il testo emanato dalla Liga, che in virtù di tutti gli illeciti denunciati, auspica che vengano prese sanzioni adeguate, come la retrocessione o l’esclusione dalla prossima edizione della Champions League per i bianconeri.

La Liga e la Superlega

La Liga è stata come associazione fin da subito e per lungo tempo in prima fila contro la nascita della Superlega. Non solo perché avrebbe perso i suoi migliori club (Real Madrid e Barcellona erano stati tra i primi a voler aderire, con Florentino Perez presidente dei blancos quasi portavoce del nuovo progetto), ma perché propugnatrice dell’istituzione, dell’applicazione e dell’applicazione di rigide regole di sostenibilità finanziaria nel calcio. La stessa competizione spagnola ha applicato le sue regole di “controllo economico” per quasi un decennio, su richiesta dei club che compongono La Liga. “La sostenibilità finanziaria è fondamentale per proteggere il business del calcio. Proteggiamo il nostro calcio”.

Ad aprile di quest’anno, infatti, La Liga ha sporto denuncia per violazione del fair play finanziario alla Uefa contro la Juventus, ma anche contro Manchester City e Paris Saint Germain.

Per questo motivo la rivoluzione societaria in casa bianconera è diventato l’appiglio per scatenare di nuovo la battaglia della lega spagnola contro lo strapotere finanziario di alcune società. Anche a costo di apparire ingerenti verso le vicende altrui, perché per il momento dalla lega calcio italiana nessuno ha fatto riferimento a sanzioni o quant’altro.