Inter Correa addio: scelto il sostituto, c’entra Lukaku

L’Inter è pronta a cedere Correa e c’è già un importante nome in pole per sostituirlo: di chi si tratta e come potrebbe giocare

Sembra ormai finita l’esperienza di Joaquin Correa con la maglia dell’Inter. In due stagioni, il trequartista argentino fortemente voluto da Simone Inzaghi (e costato ben 33 milioni di euro complessivi) non ha mai convinto, avendo realizzato appena 10 gol in 77 partite. Poche prestazioni convincenti e troppi infortuni hanno ormai persuaso il club nerazzurro che la cosa migliore da fare sia quella di cedere il giocatore il primo possibile, liberandosi così anche da un ingaggio tutt’altro che leggero, pari a 3,5 milioni a stagione. Per lui ci sono offerte dalla Turchia, che il Tucu ha per il momento rifiutato, anche se questo difficilmente farà cambiare idea alla società milanese.

Infatti, mentre da un lato si lavoro per piazzare altrove Correa, Marotta va in cerca del suo sostituto, ovvero di un rinforzo in attacco più funzionale a gioco di Inzaghi. Anche perché rischiano di essere molte le novità nel fronte offensivo nerazzurro, in cui oggi solo Lautaro Martinez è sicuro della riconferma. Dzeko sembra ormai vicinissimo alla firma col Fenerbahçe, mentre sul futuro di Lukaku ci sono ancora molti dubbi, viste le richieste del Chelsea per il suo riscatto.

Sono due i nomi in cima alla lista del reparto offensivo interista, dopo che l’affare Thuram è ormai sfumato (il francese pare invece molto vicino all’accordo col Milan). Il primo nome è quello del belga Dodi Lukabakio, reduce da una bella stagione (12 gol e 5 assist) con la maglia dell’Hertha Berlino. Non è l’unico giocatore seguito da Marotta, che crede molto anche nello statunitense Folarin Balogun, protagonista in Ligue 1 con lo Stade Reims ma di proprietà dell’Arsenal. L’americano ha detto chiaramente al club inglese che, se non potrà avere un posto in rosa, vorrà la cessione a titolo definitivo.

LEGGI ANCHE: Yann Bisseck chi è e come gioca: all’Inter per un motivo

Lukebakio chi è e come gioca

Se scelta dev’essere tra Lukebakio e Balogun, al momento l’Inter sembra propendere per il belga come suo principale rinforzo in attacco. Principalmente per una ragione economica, dato che il giocatore potrebbe essere strappato all’Hertha Berlino per una cifra non troppo alta, nonostante l’ultima annata molto buona. Il club tedesco lo ha acquistato dal Watford nel 2019 per 20 milioni di euro, ma ora potrebbe essere costretto ad abbassare le sue pretese, dato che nel frattempo è retrocesso in seconda divisione. Il belga vuole l’Inter, e i nerazzurri la potrebbero spuntare per soli 10 milioni.

Nato il 24 settembre 1997 ad Asse in una famiglia di immigrati congolesi, nonostante il fisico imponente (197 centimetri) e le somiglianze biografiche, Lukebakio non è affatto un nuovo Lukaku. Il suo ruolo è infatti quello di ala destra, anche se in passato è stato occasionalmente schierato anche da punta centrale. Ma sulla fascia può sfruttare al meglio la sua velocità e, soprattutto, la sua bravura nel dribbling uno contro uno.

Lukebakio è cresciuto nell’Anderlecht, ma presto ha iniziato a girare l’Europa, prima in prestito (Tolosa, Charleroi) e poi a titolo definitivo, con il trasferimento al Watford nel gennaio 2018 per 5 milioni di euro. In pochi anni, questo attaccante ha cambiato molte squadre in cerca della sua dimensione ideale. Nell’estate del 2019 è passato all’Hertha, dopo essere già stato in Germania per un prestito al Fortuna Dusseldorf, ma anche i berlinesi lo hanno poi temporaneamente girato al Wolfsburg, prima di riportarlo a casa un anno fa. Grande cambiamenti anche a livello di nazionale: nel 2016, appena maggiorenne, Lukebakio aveva optato per la Repubblica Democratica del Congo, scendendo in campo una volta con la squadra maggiore, ma solo un anno dopo decideva di rappresentare il Belgio, esordendo nell’U21 e poi, dal 2020, con la nazionale A.

LEGGI ANCHE: Marcus Thuram al Milan: cifra folle ma vuole la big 

Valerio Moggia
Valerio Moggia
Nato a Novara nel 1989, è il curatore del blog Pallonate in Faccia, ha scritto per Vice Italia e Rivista Undici, e collabora con la rivista digitale Linea Mediana.

Potrebbe interessarti anche: