Icardi al Monza: quanto è realistica la trattativa? Tutta la verità

Icardi può approdare all’ambizioso Monza di Berlusconi e Galliani? Girano molte voci, ma vediamo cosa c’è di vero dietro la clamorosa trattativa.

È uno dei club più attivi in Serie A in questi primi giorni di calciomercato, ma punta addirittura a fare un colpaccio in attacco: il Monza di Berlusconi e Galliano sogna in grande, e dopo acquisti di pregio come Ranocchia, Carboni, Cragno e Sensi, punta ad aggiungere alla sua rosa anche Mauro Icardi.

Il centravanti argentino ha sempre dimostrato di essere un eccezionale finalizzatore, ma la sua permanenza al PSG in questo momento è fortemente in discussione, dato le novità in società e in panchina. Circostanze che oggi lo rendono un partente quasi sicuro dalla Ligue 1, e un ritorno in Italia sarebbe forse la soluzione preferita per lui.

Perché Icardi potrebbe lasciare il PSG

D’altronde, fin dal suo arrivo a Parigi il 29enne di Rosario ha faticato aritagliarsi uno spazio di primo piano nel club: la sua ultima stagione si è conclusa con 5 gol in 30 partite, con appena 1.307 minuti giocati tra tutte le competizioni.

Icardi è ancora relativamente giovane e nel pieno della carriera, ma sperare di poter giocare titolare tra Mbappé, Neymar e Messi è pura fantasia, e le cose non sembrano destinate a migliorare nel prossimo futuro. Per il nuovo direttore sportivo Luis Campos, la rosa ha bisogno di un radicale riassetto, e lui è uno dei più probabili partenti, visto l’impietoso confronto tra il peso a bilancio e il rendimento in campo.

Icardi al Monza: cosa c’è di vero

La Serie A sarebbe il suo obiettivo, il campionato in cui ha reso al meglio e il Paese in cui sia lui che il suo agente e moglie Wanda Nara hanno i maggiori contatti. Ma le possibilità di trasferirsi in una delle big sono praticamente nulle, dato che ognuna delle grandi del campionato ha già un centravanti titolare.

Ecco perché se vuole tornare in Italia, Icardi dovrà accettare un club di secondo piano, magari anche una neopromossa come il Monza, neppure tanto lontano dalla sua Milano. E, per chi crede agli “indizi social”, l’argentino di recente ha anche postato su un Instagram una storia in cui ricorda con nostalgia gli anni passati giocando a San Siro.

Si trattasse di una qualsiasi altra società, il discorso sarebbe del tutto assurdo, ma essendo il Monza di Berlusconi, può succedere qualsiasi cosa. Al punto che As ipotizza che il patron dei brianzoli sarebbe disposto a offrire a Wanda Nara un programma tv tutto suo su Mediaset per portare il marito a giocare nel suo club.

Una settimana fa, Galliani aveva fatto sapere di essere abbastanza scettico sulla trattativa, date le richieste economiche e tecniche del giocatore, ma non aveva del tutto chiuso la porta a suo trasferimento al Monza. Ma un incontro con Wanda Nara c’è stato, e i due hanno effettivamente discusso dell’ipotesi, per cui non si tratta più solo di una speculazione giornalistica.

I numeri in gioco, però, tendono a dipingere uno scenario poco realistico: Icardi ha un contratto col PSG fino al 2024 e guadagna circa 10 milioni l’anno, una cifra fuori scala per il Monza. Sono da escludere sia l’acquisto del cartellino sia la possibilità di pagare lo stipendio intero all’attaccante: dato che difficilmente Icardi si ridurrà l’ingaggio, il Monza deve trovare necessarriamente un accordo col PSG, in modo che i transalpini concedano un prestito oneroso ai biancorossi e accettino di pagare gran parte dello stipendio del rosarino.

Non impossibile, come riporta la Gazzetta dello Sport, ma ancora molto improbabile.