Guardian Next Generation 2022: chi sono tre italiani tra i migliori talenti al mondo

È uscita la Next Generation 2022, la lista annuale dei 60 migliori giovani talenti del calcio mondiale stilata dal Guardian, e figurano tre italiani: chi sono?

Zidan Sertdemir, Mathys Tel, Antonio Nusa, Dario Essugo e tanti altri ancora: sono i nomi dei 60 migliori talenti adolescenti del calcio mondiale, che anche quest’anno il Guardian ha raccolto nella sua lista Next Generation 2022, ormai un punto di riferimento per gli appassionati di calcio giovanile alla ricerca dei fenomeni di domani.

Sebbene la lista del giornali britannico vada sempre presa un po’ con le pinze, oggi rappresenta uno dei migliori spaccati di quello che potrebbe essere il calcio dei prossimi anni, ma fotografa anche lo stato attuale dei movimenti nazionali e dei club. In Italia giocano ben sei ragazzi dell’elenco, di cui la metà sono nostri connazionali: gli stranieri sono Kenan Yildiz (Turchia, Juventus), Dariusz Stalmach (Polonia, Milan) e Valentin Carboni (Argentina, Inter), ma chi sono i tre italiani?

Guardian Next Generation 2022: alla scoperta dei tre italiani

WISDOM AMEY

Probabilmente il più noto del trio, dopo che il 12 maggio 2021 è diventato il più giovane esordiente della storia della Serie A, scendendo in campo con il Bologna a 15 anni e 274 giorni. Nato l’11 agosto 2005 a Bassano del Grappa in una famiglia di origini togolesi e nigeriane, è cresciuto nel Bassano Virtus, poi è passato al Vicenza e infine al Bologna.

Difensore centrale dagli importanti mezzi fisici (187 centimetri d’altezza), si fa notare anche per la velocità e il controllo di palla, oltre che per la capacità – rimarcata sia da Sinisa Mihajlovic che dal tecnico della Primavera Vigiani – di sapere usare indifferentemente entrambi i piedi. A livello tattico, viene talvolta impiegato anche da terzino destro.

AARON CIAMMAGLICHELLA

A Torino se ne parla come di una delle migliori promesse del vivaio granata, e ormai è già un nome importante delle selezioni giovanili azzurre. Ciammaglichella, padre etiope e madre italiana, è nato a Torino il 26 gennaio 2005, e ha sempre giocato nella squadra granata, in attesa di esordire con la formazione maggiore di Juric.

Il ruolo del talento della Next Generation 2022 del Guardian gioca di fatto come centrocampista centrale, ma nello specifico parliamo di una mezzala molto tecnica e dall’ottima visione di gioco. Il sito Scout Nation lo descrive come un centrocampista box-to-box e lo paragona a Christian Karembeu. Quello che ha colpito molti osservatori fnora è però la sua duttilità tattica, che permette a Ciammaglichella di essere impiegato pure come difensore centrale, trequartista o addirittura falso 9.

MARCO DELLE MONACHE

Nato il 3 febbraio 2005 a Cappelle sul Tavo e cresciuto nel vivaio del Pescara, questo talento abruzzese è, del trio italiano segnalato dal Guardian, quello con maggiore esperienza di calcio professionistico: vanta infatti già 11 presenze col Pescara in Serie C, tra questa stagione e quella precedente. L’estate scorsa si era parlato di un interesse del Borussia Dortmund, ma alla fine si è accordato con la Sampdoria, che lo ha lasciato in prestito in Abruzzo.

Ala mancina di piede destro, Delle Monache è già stato soprannominato “il piccolo Insigne” (anche in realtà è molto più alto dell’ex-Napoli: 170 centimetri): rapidità e tecnica, ottima capacità di passaggio e costanza di rendimento ne fanno un giocatore estremamente promettente, in grado di essere schierato anche come seconda punta.