HomeCalcio EsteroEuropaEuro 2021, Girone E: squadre, moduli e partite

Euro 2021, Girone E: squadre, moduli e partite

L’analisi di Euro 2021 partendo dalla prima fase prosegue con il Girone E, con la Spagna come favorita ma attesa da confronti decisamente insidiosi

L’attesa sta per finire, con Euro 2021 in programma tra un mese. Un’edizione che si annuncia tra le più incerte ed equilibrate nella storia di questa manifestazione. Tra Nazionali ai vertici del calcio mondiale e possibili outsider, sono tante le realtà che hanno legittime ambizioni di vittoria finale.

Da considerare inoltre che Euro 2021 si svolgerà in 11 paesi diversi, quindi con un ambiente completamente diverso rispetto alle edizioni precedenti. Inoltre si viene da una anno più o meno ininterrotto di calcio dopo il lockdown, con la condizione atletica delle squadre che può essere il fattore più determinate per stabilire chi farà più strada nella manifestazione.

Il primo step è chiaramente quello della fase a gironi, con il Girone E composto da Spagna, Svezia, Polonia e Slovacchia. I pronostici non possono che dare le Furie Rosse per favorite, ma anche le altre tre Nazionali avranno molto da dire avendo nei propri organici giocatori importanti.

Euro 2021, il calendario del Girone E

14 giugno

Ore 18.00 – Polonia-Slovacchia (San Pietroburgo)

Ore 21.00 – Spagna-Svezia (Siviglia)

18 giugno

Ore 15.00 – Svezia-Slovacchia (San Pietroburgo)

19 giugno

Ore 21.00 – Spagna-Polonia (Siviglia)

23 giugno

Ore 18.00 – Slovacchia-Spagna (Siviglia)

Ore 18.00 – Svezia-Polonia (San Pietroburgo)

Euro 2021

Spagna

Il punto sul Girone E parte dalla Spagna, tra le massime espressioni calcistiche del nuovo millennio. Le Furie Rosse, dopo aver dominato il mondo tra il 2008 e il 2016, hanno avuto una fase di transizione negli anni successivi e sono pronti a ripresentarsi da protagonisti a Euro 2021. Nelle qualificazioni hanno chiuso il Gruppo F da imbattute, lanciando un chiaro segnale al resto d’Europa.

La sensazione dominante è che la squadra di Luis Enrique sia tornata al suo antico splendore, pur non partendo da principale favorita per la vittoria finale come in altre edizioni degli Europei. Come ormai accade da tanti anni, non mancano i talenti pronti ad esibire calcio di grande qualità. Da tenere d’occhio in particolare Ferran Torres, esterno offensivo protagonista di un’ottima annata con il Manchester City. Può risultare estremamente utile anche Marcos Llorente, elemento di spicco dell’Atletico Madrid impiegabile sia a centrocampo che nel ruolo di terzino destro.

Spagna (4-3-3): De Gea; Llorente, Sergio Ramos, Garcia, Jordi Alba; Koke, Busquets, Pedri; Torres, Morata, Olmo

Svezia

Nel Girone E si riproporrà un duello già visto durante le qualificazioni, ovvero quello tra Spagna e Svezia. La compagine scandinava ha terminato al secondo posto nel Gruppo F, alle spalle delle Furie Rosse e conquistando un punto su sei negli scontri diretti. Un motivo in più per far bene, da parte di una squadra storicamente molto ostica per chiunque.

La Nazionale di Janne Andersson si presenta a Euro 2021 con la voglia di stupire, cercando innanzitutto di passare la fase a gironi. Obiettivo da perseguire senza Zlatan Ibrahimovic, alle prese con continuità infortuni e che ha già comunicato che non farà parte della spedizione. Presenti comunque molti giocatori interessanti tra cui Dejan Kulusevski, voglioso di riscattarsi dopo un’annata tra luci e ombre alla Juventus. Si candida ad un ruolo di protagonista anche Robin Quaison, ex Palermo ora al Mainz.

Svezia (4-4-2): Olsen; Lustig, Lindelof, Helander, Augustinsson; Kulusevski, Olsson, Larsson, Claesson; Quaison, Isak

Polonia

Tra le Nazionali che fanno parte di questo girone di Euro 2021 figura anche la Polonia, realtà cresciuta molto negli ultimi anni grazie alla schiera di talenti che ne hanno innalzato il livello qualitativo. La crescita della compagine polacca è resa evidente dal suo percorso nelle qualificazioni, chiuse al primo posto nel Gruppo G ottenuto con largo anticipo e perdendo una sola partita.

Dando alla Spagna il ruolo di favorita d’obbligo per il primo posto, la Polonia può giocarsi la seconda piazza con le altre tre formazioni del girone. Nel caso in cui alcuni dei suoi giocatori di riferimenti esprimessero il massimo del loro potenziale, potrebbe anche bissare l’accesso ai quarti di finale già ottenuto agli ultimi Europei. Il leader maximo della Polonia è naturalmente Robert Lewandoski, vero e proprio cannibale dell’area di rigore e punta di riferimento del Bayern Monaco. Importante anche la qualità sulla trequarti di Piotr Zielinski, che quest’anno a Napoli ha raggiunto vette di rendimento elevatissime.

Polonia (3-4-1-2): Szczesny; Bereszynski, Bednarek, Helik; Szymanski, Moder, Krychowiak, Reca; Zielinski; Milik, Lewandowski

Slovacchia

L’analisi del Girone E di Euro 2021 si chiude con la Slovacchia, formazione tra le meno attrezzate dell’intera manifestazione. La qualificazione agli Europei è arrivata chiudendo il Gruppo E al terzo posto, alle spalle di Croazia e Galles. Un piazzamento che è valso l’accesso agli spareggi, nei quali la formazione slovacca ha avuto un cammino molto britannico prevalendo prima sull’Irlanda e poi contro l’Irlanda del Nord.

La Nazionale allenata da Stefan Tarkovic appare come quella con le minori possibilità di passare il turno ad Euro 2021. Pronostici che però lasciano il tempo che trovano, visto che già nel 2010 la Slovacchia riuscì a passare la fase a gironi del Mondiale pur partendo da sfavorita. Tra gli uomini di spicco figura certamente Milan Skriniar, roccioso centrale difensivo protagonista della cavalcata tricolore dell’Inter. Il giovane attaccante Robert Bozenik (miglior marcatore slovacco nelle qualificazioni) può risultare invece una delle sorprese più piacevoli.

Slovacchia (4-2-3-1): Kuciak; Pekarik, Skriniar, Satka, Hubocan; Kucka, Hromada; Koscelnik, Duda, Mak; Bozenik

Seguici sul nostro sito, resta aggiornato CLICCA QUI e contattaci sui nostri social: InstagramFacebookTwitter e Flipboard! Inoltre, ascolta il nostro Podcast su Spotify!

0e571a370b7405f035ea1e969206dd1e?s=90&d=mm&r=g
Paolo Lora Lamia
Classe ’92, ho la vocazione del giornalismo sportivo fin dall’adolescenza. Adoro il calcio, la sua storia e una narrazione sportiva tesa ad emozionare più che a creare polemiche. Giornalista pubblicista dal 2019, cofondatore di Mondoprimavera.com, collaboratore presso Gruppo GEDI e La Giovane Italia e opinionista sportivo per Toscana TV. Ho un debole per il calcio inglese (e per il Liverpool in particolare).

Articoli recenti