Saltato Botman, il Milan ha un altro nome in Francia

Il Milan continua a guardare in Francia per costruire la squadra della prossima stagione: saltato l’olandese del Lille, il nuovo obiettivo viene da Parigi.

Dovrebbe essere ormai chiaro a tutti che il Milan di Maldini e Massara ha orientato il suo mercato sulla Ligue 1, dopo i colpi Kalulu, Adli, Maignan, Ballo-Touré e Leão, e anche adesso che si tratta di trovare un’alternativa a Botman, che si è accordato con il Newcastle, i rossoneri intendono guardare al campionato francese.

Il nuovo nome per la difesa è Abdou Diallo del PSG, robusto e poliedrico difensore che andrebbe a rappresentare una pedina molto importante in un settore che molto probabilmente saluterà Romagnoli. E che sopratutto è un profilo piuttosto economico: fuori dal progetto tecnico parigino, si potrebbe prendere per soli 15 milioni di euro.

Chi è Abdou Diallo: ritorno di fiamma per il Milan

Un’idea che i rossoneri avevano già avuto lo scorso gennaio, ma che si era scontrata contro il muro economico del PSG, le cui richieste per il giocatore erano troppo alte. In pochi mesi, le condizioni per il 26enne franco-senegalese sono completamente cambiate: nonostante abbia ancora due anni di contratto, da aprile è praticamente fuori squadra (l’ultima partita giocate risale a 13 minuti in campo il 20 marzo, col Monaco), e il cambio in panchina non sembra avergli dato maggiori garanzie.

Un vero peccato, per un giocatore che solo quattro stagioni fa si era messo in mostra in Bundesliga come uno dei giocatori più interessanti nel suo ruolo, vestendo la maglia del Borussia Dortmund. Abdou Diallo è stato uno di quei tanti ragazzi che hanno faticato a trovare spazio in Ligue 1 e sono così finiti per esplodere in Germania.

Nato a Tours nel 1996, è cresciuto nei ragazzi del Monaco, iniziando a raccogliere presenze ai margini dello squadrone del 2017, guidato da Mbappé e Lemar. Già all’epoca lavorava con Luis Campos, nuovo direttore tecnico del PSG, ma il portoghese aveva creduto poco in lui, lasciandolo andare al Magonza. In un paio d’anni, il senegalese ha contraddetto tutti gli scettici, ed è tornato in Ligue 1 da vincente.

Il PSG lo ha pagato 32 milioni di euro, ma nella capitale non è mai stato un titolare fisso, anche se sia sotto Tuchel che Pochettino si è messo in mostra come un validissimo jolly difensivo. Almeno fino alla scorsa stagione.

Come gioca Diallo

Prezzo praticamente dimezzato, oggi, per un difensore centrale ancora giovane ma già con un bagaglio di esperienza considerevole, che fare molto comodo a un Milan che adesso vuole consolidare la sua competitività a livello europeo.

Diallo si fa notare principalmente per le sue qualità atletiche e tattiche, che lo rendono adattabile a più ruoli, come dimostrato a Parigi. È questo che ha colpito particolarmente i rossoneri: meno forte, in senso assoluto, rispetto a Botman, è però in grado di ricoprire efficacemente più ruoli, come ad esempio il terzino sinistro e il mediano, un settore del campo dove mancherà Kessie e sta ormai sfumando Renato Sanches.