DAZN acquista Eleven Sports: cosa cambia nel calcio in tv

dazn
Fonte: profilo ufficiale Twitter @DAZN_IT

DAZN Group ha annunciato di aver acquistato Eleven Sports, una delle principali piattaforme di streaming sportivo al mondo. Ma cosa cambia ora per gli utenti?

Una piccola rivoluzione nel mondo dello streaming, con l’acquisto di Eleven Sports da parte di DAZN, che porta alla fusione di due delle più note piattaforme di streaming sportivo al mondo. La società di Len Blavatnik, che attualmente detiene i diritti domestici della Serie A, entra così in possesso di un vasto parco di evento sportivi, concentrati soprattutto sul basket europeo ma estesi anche al calcio, con la possibilità di vedere la Serie C e la Jupiler Pro League belga fino al 2025.

Eleven Sports è il servizio fondato nel 2015 a Londra dalla società Aser Ventures, di proprietà dell’italiano Andrea Radrizzani, che è anche proprietario del Leeds United, e in pochi anni si è espansa in tutto il mondo, fino a entrare ora nell’orbita di DAZN.

Accordo DAZN Eleven Sports: cosa cambia

Con questa operazione, DAZN punta a rafforzare la sua presenza nel settore dell’intrattenimento sportivo in Italia e nel mondo, in qualità di punto di riferimento globale per i tifosi. All’atto pratico, i contenuti sportivi di Eleven Sports verranno integrati nell’offerta di DAZN, il che significa che i tifosi e gli appassionati in Italia potranno ora vedere anche la Serie C sulla piattaforma che ha anche i diritti della Serie A. e della Serie B.

Oltre a questo, sarà importante il ruolo di Eleven Sports come partner di FIFA+, il servizio di streaming della Federcalcio internazionale. Questo permetterà di far arrivare su DAZN una grande offerta relativa al calcio femminile, con la possibilità di seguire i contenuti relativi a sei differenti confederazioni.

Oltre a questo, l’accordo di acquisizione riguarda anche Team Whistle, la media company di Eleven Sports, considerata una delle principali aziende nell’ambito della comunicazione e del fan engagement. Questo accordo dovrebbe garantire, secondo le previsioni, una crescita dei ricavi di DAZN Group pari a circa 300 milioni di dollari all’anno.

Andrea Radrizzani, il fondatore e precedente proprietario di Eleven Sports, entrerà a far parte del board di DAZN come Executive Director e supporterà lo sviluppo del business del gruppo.

Al momento non risultano noti possibili cambiamenti a livello di costi dell’abbonamento di DAZN. Non è escluso che l’offerta economica possa essere ritoccata, ma questo non avverrà a breve, nel corso di questa stagione, specialmente dopo le polemiche per gli aumenti di qualche mese fa.