coman record
Foto Twitter

Nove campionati su nove, è questo l’ultimo incredibile record del calcio. Di Messi? No. Di Cristiano Ronaldo? No. Di Kylian Mbappé o Lewandowski? No. È d Kinglsey Coman.

Ieri il Bayern Monaco ha vinto aritmeticamente l’ottavo Meisterschale consecutivo, cioè da quando nel 2015 l’allenatore Pep Guardiola convinse il club a sborsare quasi 30 milioni per acquistare il francese dalla Juventus.

Prima di andare al Bayern, Coman aveva già vinto tre titoli consecutivi: due con il Paris Saint-Germain, nelle stagioni 2012-2013 e 2013-2014, e uno con la Juventus nel 2014-2015. In realtà, per non farsi mancare nulla, Kinglsey è considerato campione d’Italia anche nella stagione 2015-2016 perché ha una presenza in quel campionato, prima di volare poi in Germania. Due scudetti vinti un anno, mica male. Tutto questo a soli 24 anni

IL BAYERN MONACO DI FLICK IL MIGLIORE DELL’ULTIMO DECENNIO?

Record Coman, fortuna nella sfortuna

E con ieri è arrivato ad otto consecutivi in tre campionati diversi, nove se consideriamo anche il secondo con la Juventus. Nessuno è mai riuscito in questa incredibile impresa. Eppure, ci vuole un bel coraggio a dare a Coman del fortunato, perché oltre a collezionare titoli ha messo in sere anche un bel po’ di infortuni, e alcuni molto gravi.

NAPOLI-JUVENTUS, DOPO IL COVID-19 SI RIACCENDE LA SFIDA

Talmente gravi che non nega, come ha rivelato in una recente intervista, di aver pensato anche al ritiro. Infortuni che non sono mancati nemmeno in questa stagione, l’ultimo poco prima dello stop. Il Coronavirus e il lockdown gli hanno dato modo di recuperare, e si è fatto trovare pronto per la ripresa.

STURRIDGE-BENEVENTO, CLAMOROSA IDEA DI VIGORITO

Quest’anno, fra tutte le competizioni, ha raccolto 32 presenze, che non sono per nulla poche. La speranza è che possa conquistarsi un minimo di continuità, in modo da dimostrare le sue vere qualità. Nel frattempo si è messo in tasca l’ottavo campionato di fila e un record difficilmente eguagliabile. Il Bayern Monaco continuerà a puntare su di lui, d’altronde è ancora un ragazzo e rappresenta il futuro del club. Ha tutto il tempo a disposizione per alimentare la sua incredibile bacheca, legamenti permettendo.