Bonucci in panchina nel Derby: il motivo della scelta di Allegri

bonucci
Fonte: Image Photo

Bonucci non partirà dal primo minuto, nel Derby contro il Torino: Allegri ha deciso di tenerlo fuori dalla partità. A riposo per la Champions o bocciato? Scopriamo il motivo.

Rivoluzione in difesa per la Juventus, con Allegri che sceglie di scendere in campo contro il Torino con uno schieramento a tre che vede l’ex-Bremer affiancato dai due terzini adattati Danilo e Alex Sandro. Resta quindi fuori il capitano Bonucci, dopo le ultime prestazioni davvero sotto tono, e alcuni tifosi pensano possa essere la bocciatura definitiva per il 35enne centrale della Nazionale.

Sicuramente, da qualche tempo l’ex-Bari non è più ai livelli che gli hanno permesso d’imporsi come uno dei migliori difensori d’Europa, un po’ per l’età che avanza e un po’ per i tanti infortuni. In questa stagione, Bonucci ha giocato appena 9 partite tra tutte le competizioni, ed è stato piuttosto disastroso nell’ultima di Serie A contro il Milan, ma possiamo davvero già parlare di un’esclusione dai titolari in maniera definitiva?

Bonucci escluso dal Derby: il motivo

Relegare in panchina il difensore viterbese sarebbe un segnale molto importante a livello simbolico, per il suo ruolo in una Juventus in crisi d’identità e in cui un rinnovamento netto sembra più che mai necessario. Una sua eventuale esclusione dai titolari della stagione bianconera significherebbe il pensionamento della storica BBC, la linea difensiva che formava con Barzagli (oggi ritiraro) e Chiellini (migrato a Los Angeles in estate).

La scelta di Allegri, per il momento, non è stata ufficialmente motivata, ma si pensa oossa essere solamente dovuta al bisogno di far riposare il giocatore, dato che Bonucci è reduce da due partite giocate per intero nell’arco di una settimana. Ma sicuramente le pessime prestazioni sfoggiate in questi due ultimi incontri possono aver influito sulla scelta.

Non è poi chiaro se i rapporti tra il centrale e l’allenatore livornese, spesso tesi in passato, siano nuovamente peggiorati durante questo ritiro seguito alla sconfitta col Maccabi Haifa. In assenza di altre informazioni più approfondite, non è possibile trarre particolari conclusioni, ed è quindi lecito accettare che l’esclusione di Bonucci dai titolari contro il Torino sia solo una scelta tecnica, e che non rappresenti una bocciatura definitiva.

Anche perché, se la soluzione tattica di Allegri per il futuro della stagione della Juventus è quella di tornare al 3-5-2, i bianconeri rischiano di trovarsi con carenza di difensori centrali: attualmente, compreso Bonucci, che ne sono appena ce ne sono appena quattro in rosa, e tra questi Rugani e Gatti non sembrano dare le garanzie migliori possibili. A meno che, ovviamente, a gennaio la società non voglia tornare sul mercato anche per questo ruolo.