Barcellona-Napoli: perché i calciatori si sono inginocchiati

All’inizio di Barcellona Napoli, i giocatori di entrambe le squadre si sono inginocchiati prima del fischio d’inizio. Ecco spiegati i motivi del gesto.

Pronti via: inizia l’attesissima sfida Barcellona Napoli di Europa League, uno dei match più decisivi di questo turno di coppe europee, anche per il comune passato maradoniano che lega i due club. Ma, prima del fischio d’inizio, entrambe i giocatori di entrambe le squadre si sono inginocchiati.

Un gesto che negli ultimi tempi è stato usato non proprio di frequente, rispetto a come si è fatto nel 2020 e nel 2021, che è generalmente un segno di supporto alla lotta antirazzista. Ma c’è forse un motivo particolare per cui Barcellona e Napoli hanno deciso di inginocchiarsi oggi prima della partita?

Barcellona Napoli: i motivi del gesto

Il cosiddetto kneeling oggi è meno diffuso rispetto al passato recente, ma il suo significato dovrebbe essere ancora nella memoria collettiva. Non è chiaro se c’è una motivazione particolare per cui i due club, stasera, hanno scelto di riproporlo, ma tutto lascia supporre ce volessero ricordare il bisogno di lottare contro il razzismo.

Un tema che in particolare ha colpito, in questi mesi di campionato, diversi giocatori del Napoli, spesso vittime di cori discriminatori in Serie A (Osimhen, Koulibaly, Zambo Anguissa). Inoltre, solo poche settimane fa si sono verificati cori razzisti contro i napoletani in occasione del match in casa del Venezia.

Il Napoli, d’altronde si era inginocchiato contro il razzismo già a novembre 2021, nella partita di Europa League giocata in casa del Legia Varsavia, e i partenopei erano stati bersagliati dai fischi del pubblico polacco.

Barcellona Napoli era stata anche indicata, a inizio febbraio, come match ad alto rischio dalla Commissione di Stato contro Violenza, Razzismo, Xenofobia e Intolleranza nello Sport dello stato spagnolo, quindi il gesto di inginocchiarsi potrebbe essere stato fatto per scongiurare preventivamente eventuali cori.

Siamo su Google News: tutte le news sul calcio CLICCA QUI