Home Calciomercato Denis Zakaria, la Roma cerca l’alternativa a Xhaka

Denis Zakaria, la Roma cerca l’alternativa a Xhaka

Fonte: Twitter @_InsideMilan

Denis Zakaria è stato individuato da Tiago Pinto come alternativa a Granit Xhaka, ormai lontanissimo dalla Roma

Lo ha cercato a lungo il Napoli, intenzionato a dare un rinforzo per la mediana a Luciano Spalletti, ma finora senza successo. E ora Denis Zakaria è entrato nel mirino della Roma, che ha ormai abbandonato la pista Xhaka: l’Arsenal lo ha fatto partire titolare e come capitano nella prima di campionato, segno che una sua cessione è fuori discussione, adesso.

Così, il nuovo nome sul taccuino di Tiago Pinto è un altro centrocampista svizzero, anche se dalle caratteristiche abbastanza diverse rispetto al giocatore dei Gunners. Ma Zakaria gioca in un club meno blasonato, il Borussia Monchengladbach, e ha il contratto in scadenza nel 2022.

Leggi anche | Petagna parla da Dimaro, da Spalletti a Napoli-Verona

Denis Zakaria, caratteristiche tecniche e ruolo

Centrocampista centrale dotato di grande fisicità, il classe ’96 potrebbe essere una perfetta risorsa per la mediana del probabile 4-2-3-1 di Mpurinho.

A lungo soprannominato “il nuovo Vieira” per l’imponente stazza fisica che gli fa raggiungere il metro e novanta di altezza, Zakaria fa delle sue caratteristiche principali anche la corsa, la quale lo fa diventare un ottimo centrocampista difensivo in grado di recuperare molti palloni.

Inoltre, un’altra caratteristica che in patria gli era valsa questo soprannome è la capacità di impostare l’azione velocizzando la fase offensiva.

Leggi anche | La campagna vaccinale della Serie A è in ritardo

Dopo un lungo infortunio al ginocchio che lo ha tenuto fermo da marzo a novembre del 2020, il centrocampista svizzero è tornato regolarmente a disposizione saltando soltanto altre due partite in Bundesliga e ottenendo anche la convocazione di Petkovic per Euro 2020, dove però è partito dietro a Xhaka e Freuler.

Dalla Svizzera alla Germania, la carriera di Zakaria

L’obiettivo del club azzurro ha fatto tutte la trafila nelle giovanili del Servette, esordendo pochi giorni prima del suo diciottesimo compleanno nella Challenge League, la seconda divisione svizzera.

Terminata quella stagione con altre cinque presenze in prima squadra, nell’estate del 2015 passa allo Young Boys, diventando subito un punto fermo della squadra, raggiungendo le 33 presenze complessive in stagione e venendo anche nominato “Rookie dell’anno” per il club giallonero.

Dopo un altro ottimo campionato in patria viene acquistato per 12 milioni dal Gladbach diventando anche qui fin da subito un titolare imprescindibile. Dopo l’arrivo di Marco Rose sulla panchina del club tedesco il suo rendimento, come quello di tutta la squadra, aumenta ulteriormente, attirando le attenzioni di numerosi club europei.

Il lungo infortunio al ginocchio sembrava avergli rallentato un po’ l’ascesa, ma dopo un po’ di tempo il classe ’96 pare essere tornato in ottima forma.

Leggi anche | Gattuso parla e racconta le vicende Fiorentina e Tottenham

Dopo aver giocato per le nazionali giovanili, la sua grande stagione d’esordio con lo Young Boys gli era valsa anche la convocazione agli Europei del 2016, dove però l’allora ventenne non era mai sceso in campo.

Nonostante le sue presenze in Nazionale siano già 34, nelle altre due competizioni più importanti -Mondiali del 2018 e Europei 2020- ha disputato solo quattro partite totali.

Denis Zakaria, la trattativa con la Roma

Secondo varie fonti, Pinto avrebbe già discusso di un passaggio di Zakaria alla Roma nei giorni scorsi direttamente con l’agente del giocatore Fali Ramadani, incontrato a Londra. L’ipotesi avrebbe convinto il centrocampista svizzero e il suo procuratore, che in Serie A gestisce già gli interessi di Federico Chiesa e Kalidou Koulibaly.

Durante l’ultimo Europeo, la Svizzera ha fatto molto bene e Zakaria si è messo discretamente in mostra: il Borussia Monchengladbach sa che rischia di perdere a zero un giocatore molto appetibile, per cui è ben disposta a raggiungere un accordo già quest’anno, magari scontando di non poco i 30 milioni di valutazione dell’elevtico.

Seguici sul nostro sito, resta aggiornato CLICCA QUI e contattaci sui nostri social: InstagramFacebookTwitter e Flipboard! Inoltre, ascolta il nostro Podcast su Spotify!

Exit mobile version