Home Curiosità Quanti cambi si possono fare in Serie A: il regolamento

Quanti cambi si possono fare in Serie A: il regolamento

Fonte Immagine: @indoroma_ (Instagram)

Le regole sui cambi sono state recentemente modificate rispetto al passato, ma oggi si torna a parlarne dopo il pasticcio della Roma in Coppa Italia, dove i giallorossi hanno effettuato un cambio in più del previsto.

Al 95° di Roma – Spezia, ottavo di finale di Coppa Italia disputatosi martedì 19 gennaio 2021, Fonseca ha fatto entrare in campo sia Daniel Fuzato che Roger Ibañez. Il problema era che, nel corso della partita, l’allenatore portoghese aveva già fatto subentrare Rick Karsdorp, Jordan Veretout, Carles Perez ed Edin Dzeko. Sei sostituzioni complessive.

Ovviamente, si è trattata di una violazione del regolamento, che tecnicamente comporta la sconfitta a tavolino (ma “fortunatamente” la Roma ha poi comunque perso la partita), e non è la prima volta che la Roma incappa in un infrazione abbastanza clamorosa: ricordate il caso Diawara?. L’errore potrebbe essere stato dovuto a una interpretazione maldestra delle nuove regole sui cambi, per cui tanto vale ripassarle per bene.

Le nuove regole sui cambi

Le regole sulle sostituzioni in Serie A sono state modificate a inizio giugno 2020, per venire incontro alle difficoltà dei club dopo il lungo stop causato dalla pandemia: i tradizionali tre cambi sono stati aumentati a cinque, per dare modo di far ruotare maggiormente i giocatori e limitare il rischio di infortuni.

Le cinque sostituzioni sono da dividersi in un massimo di tre interruzioni a partita per ogni squadra. Nel caso in cui le due squadre effettuino entrambe un cambio nella stessa pausa, questa viene contata per entrambe, mentre ovviamente l’intervallo non viene conteggiato, anche se può essere utilizzato per sostituire dei giocatori.

La novità che deve aver confuso i dirigenti della Roma è quella relativa ai tempi supplementari. Infatti, le regole sui cambi prevedono che, in caso di extra-time, entrambe le squadre possano effettuare una pausa aggiuntiva rispetto alle tre previste per i 90 minuti. Una pausa in più, ma non una sostituzione in più: le possibilità di cambio restano infatti cinque.

Le nuove norme sulle sostituzioni sono state approvate dalla FIGC per tutti i campionati professionistici italiani, su proposta della FIFA: sono infatti state adottate anche nei campionati stranieri e, ovviamente, nelle coppe internazionali.

La proroga delle regole

Inizialmente, le novità dovevano servire per la ripresa del campionato – che è ripartito infatti il 20 giugno – ed estendersi fino alla fine della stagione, ovvero fino al 23 agosto 2020, data della finale di Champions League. Ovviamente, però, dopo quella data la situazione pandemica non era ancora stata risolta, e i motivi che avevano portato alla modifica del regolamento persistevano.

Le regole sui cambi, pur mantenendo il loro carattere provvisorio, sono quindi state prorogate a inizio setembre fino alla fine della stagione 2020-21, dopo un incontro tra i vertici federali italiani con il capo della FIFA Gianni Infantino. La stessa cosa è avvenuta anche negli altri campionati e nelle competizioni internazionali.

Queste norme resteranno in vigore almeno fino alla fine della stagione, quindi, e coinvolgeranno anche gli Europei che si terranno questa estate; solo successivamente si deciderà se sarà necessaria un’ulteriore proroga o no. L’unico importante campionato europeo in cui la regola dei cinque cambi non è stata prorogata è la Premier League, dove attualmente valgono le tradizionali tre sostituzioni.

Seguici sul nostro sito, resta aggiornato CLICCA QUI e contattaci sui nostri social: Instagram, Facebook, Twitter e Flipboard!

Exit mobile version