Palacio cambia vita: dopo il calcio c’è un altro sport

Rodrigo Palacio dice addio al calcio, ma nel suo futuro c’è un altro sport, con un campo e una palla diversi

Dice definitivamente addio al calcio Rodrigo Palacio. A 40 anni, el Trenza ha deciso di appendere gli scarpini al chiodo dopo essere rimasto senza contratto al termine dell’ultima stagione giocata con la maglia del Brescia. Formatosi all’Huracan e al Banfield, Palacio si è consacrato con la maglia del Boca Juniors, dove dal 2005 al 2009 ha vinto due Recopa, due campionati nazionali, una Coppa Sudamericana e una Copa Libertadores. Poi l’approdo in Italia, al Genoa, dove diventa uno degli attaccanti più importanti del campionato, quindi il passaggio all’Inter e poi le esperienze al Bologna e al Brescia.

13 stagioni in Italia per l’argentino, che in Italia ha collezionato più di 100 gol, diventando uno dei centravanti più rappresentativi degli anni ’10 in Serie A. Ora, a 40 anni, il Trenza ha deciso di smettere con il calcio, comunicando la propria decisione con un tweet. Il futuro di Palacio sarà però ancora in campo, ma su una superficie molto diversa.

Palacio: dopo il calcio c’è il basket

Tolti gli scarpini e abbandonato il prato verde, Palacio ha indossato la canotta ed è salito sul parquet, prendendo la palla a spicchi e decidendo dunque di cimentarsi nel basket. L’ex attaccante di Genoa e Inter ha da poco debuttato nella Serie D di basket, con la maglia della Polisportiva Garegnano, situata nell’omonimo quartiere di Milano.

La pallacanestro è una vecchia passione di Palacio, che ha sempre seguito con passione il basket e ora ha deciso di cimentarsi in questo sport. Qualche giorno fa è arrivato il debutto per il Trenza, che ha segnato 4 punti nella sua prima gara e ben 14 nella seconda. Presto inizierà il campionato e Palacio vuole farsi trovare pronto per guidare la Polisportiva Garegnano come ha fatto in Serie A con Genoa, Inter e Bologna.