Home Europa League Ieri in B allo Spezia, oggi eroe d’Europa: chi è Mislav Orsic

Ieri in B allo Spezia, oggi eroe d’Europa: chi è Mislav Orsic

Fonte: @orsic99 (Instagram)

Orsic è l’uomo del momento, artefice principale della clamorosa rimonta con cui la Dinamo Zagabria ha eliminato il Tottenham di Mourinho. Il croato ha un passato che lo lega strettamente all’Italia

LEGGI ANCHE: Finale Europa League 2020/2021: date, luogo e dive vederla

Dopo la tripletta con cui ieri sera ha demolito il Tottenham, vincitore all’andata per 2-0 e tra le favorite per la conquista dell’Europa League, a qualcuno il nome di Mislav Orsic sarà suonato familiare.

In effetti, il croato è una vecchia conoscenza del calcio italiano e, prima di consacrarsi come eroe della Dinamo Zagabria nella serata di ieri, era già stato artefice di un’altra celebre tripletta europea. In questa storia, c’entrano Spezia e Atalanta.

LEGGI ANCHE: Barrow, l’agente: “Mercato? Tutto fermo, a Bologna sta da Dio”

Orsic, talento girovago dallo Spezia all’Asia

LEGGI ANCHE: Dinamo Zagabria, allenatore arrestato a tre giorni dall’Europa League

Nato a Zagabria nel 1992, Mislav Orsic non ha iniziato la propria carriera nelle giovanili dei più noti club del suo paese, ma anzi è finito a giocare in squadre minori come Kustosija Zagabria e Inter Zapresic, con cui poi ha esordito in prima squadra.

A 21 anni fu notato dallo Spezia e portato in Serie B. All’epoca, la società ligure era allenata da Giovanni Stroppa ed era celebre per pescare molto nel campionato croato, grazie agli affari del controverso proprietario Gabriele Volpi, che era anche in controllo del Rijeka.

LEGGI ANCHE: Un altro Volpi in Serie A: chi è il presidente dello Spezia

L’esperiena di Orsic in Liguria, però, non è stata particolarmente soddisfacente: appena 11 presenze nel professionismo italiano, tra campionato e Coppa Italia, senza segnare nemmeno un gol ma servendo due assist. In totale, il suo minutaggio allo Spezia fu di soli 266 minuti.

Così, a fine stagione lo Spezia preferì cederlo alla succursale Rijeka, che senza mai farlo scendere in campo lo girò agli sloveni del Celje. Dopo una discreta annata, l’ennesimo trasferimento: al Jeonnam Dragons, nel campionato coreano, dove Orsic ha continuato a giocare con la maglia dell’Ulsan Hyunday, dopo una breve parentesi in Cina con il Changchun Yatai.

L’Atalanta e la prima tripletta europea

LEGGI ANCHE: Sorteggio quarti Europa League 2020/2021: data e orario

A questo punto della sua carriera, Orsic aveva già 26 anni e si era ormai allontanato dal calcio europeo, e pareva quindi destinato ad anni di anonimato. Quando, nel 2018, arrivò l’ingaggio a sorpresa da parte della Dinamo Zagabria, sulla cui panchina sedeva ora Nenad Bjelica, con cui Orsic si era giusto sfiorato ai tempi dello Spezia: il tecnico croato era arrivato proprio mentre il centrocampista se ne andava.

Qui, la vita di Orsic è cambiata radicalmente. Conquistata presto la fiducia dell’allenatore, che lo ha iniziato a schierare regolamente come ala sinistra, facendolo spesso partecipare alla manovra offensiva (cosa che gli ha permesso di alzare la sua media realizzativa), è divenuto uno dei punti di riferimento di una squadra piena di talento.

LEGGI ANCHE: Mandragora, l’agente: ‘Sogna l’azzurro tutti i giorni’ (ESCLUSIVA)

In questi tre anni, è stato così uno dei grandi protagonisti dell’ascesa internazionale della Dinamo Zagabria, di cui uno dei punti più alti è stato il 4-0 con cui, il 18 settembre 2019, i croati hanno travolto l’Atalanta di Gasperini. In quell’occasione, Orsic si consacrò con la sua prima tripletta europea, replicata ieri sera contro il Tottenham.

Proprio nel settembre 2019, Orsic ha ricevuto anche la sua prima convocazione con la maglia della Croazia, grazie al ct Zlatko Dalic. Da allora, il giocatore della Dinamo Zagabria, oggi 28enne e con un valore di mercato stimato a 7,5 milioni di euro, è diventato uno dei convocati fissi di Dalic, pur restando una riserva della Nazionale (5 le sue presenze finora), e probabilmente lo ritroveremo ai prossimi Europei.

LEGGI ANCHE: “Speravo de morì prima”, la serie su Francesco Totti: cosa c’è da sapere

Seguici sul nostro sito, resta aggiornato CLICCA QUI e contattaci sui nostri social: Instagram, Facebook, Twitter e Flipboard!

Exit mobile version