Home Notizie Mondiali ogni due anni: si oppone anche l’UE

Mondiali ogni due anni: si oppone anche l’UE

Fonte immagine: @fifamedia (Twitter)

Mondiali ogni due anni, dopo le critiche dell’UEFA anche l’Unione Europea si schiera contro alla proposta della FIFA.

Il dibattito sulla possibilità di disputare ogni due anni i Mondiali sta tenendo banco nelle ultime settimane: dopo l’appoggio delle federazioni asiatiche ed africane e il parere negativo di quella europea, anche l’Unione Europea si è detta contraria.

Il piano della FIFA, fortemente appoggiato dalla federazione dell’Arabia Saudita e da figure di rilievo come quella di Arsène Wenger, potrebbe quindi già tramontare.

Fonte: @FIFAcom (Twitter)

Leggi anche | Mondiali ogni due anni: la UEFA solleva quattro problemi

Mondiali, il parere contrario della Commissione Europea

Nella riunione di giovedì sono stati molti i pareri contrari alla proposta della FIFA: la Commissione si è detta preoccupata all’idea di disputare i Mondiali ogni due anni, appoggiando e sostenendo i dubbi di tutte le federazioni europee.

Le motivazioni sono molto simili a quelle già esposte dall’UEFA e verso la fine di ottobre ci sarà una votazione per invitare le organizzazioni sportive a rispettare l’attuale frequenza dell’organizzazione dei tornei calcistici internazionali.

fonte: twitter @J_Famethrowa

Tomasz Frankowski, attuale co-presidente del gruppo sportivo del Parlamento e ex calciatore professionista ha dichiarato:

“Come ex giocatore di calcio, ho paura che la frequenza biennale dei Mondiali aumenterebbe il rischio di infortuni dei calciatori, che sarebbero costretti a partecipare pgni anno a competizioni estive di alta intensità, invece di pause e recuperi più lunghi ad anni alterni. Questi piani porterebbero, inoltre, all’erosione delle opportunità sportive per le squadre più deboli”

Leggi anche | Arsenal, un costosissimo acquisto senza volto… su FIFA

Seguici sul nostro sito, resta aggiornato CLICCA QUI e contattaci sui nostri social: InstagramFacebookTwitter e Flipboard! Inoltre, ascolta il nostro Podcast su Spotify!

Exit mobile version