Home Calcio Estero Quali sono le richieste dei tifosi del Manchester United ai Glazer?

Quali sono le richieste dei tifosi del Manchester United ai Glazer?

Fonte: @IsaacWaihenya (Twitter)

I tifosi del Manchester United hanno scritto una lettera alla famiglia Glazer, proprietaria del club, spiegando i motivi della protesta e le loro richieste

LEGGI ANCHE: Quando si giocherà Manchester United Liverpool?

“Vogliamo essere chiari che nessuno vuole che ciò che è successo ieri a Old Trafford diventi un evento regolare” hanno scritto i tifosi del Manchester United a Joel Glazer, co-presidente dei Red Devils.

Dopo i fatti di domenica, che hanno portato all’invasione dello stadio e al rinvio della sfida col Liverpool, i fan hanno voluto scrivere alla proprietà spiegando il perché della protesta e chiedendo un confronto.

Il difficile rapporto tra tifosi e Glazer

LEGGI ANCHE: Manchester United e Adidas ai ferri corti: cosa è successo

“Quello che è successo è il punto di arrivo di 16 anni in cui la proprietà del club ci ha portato ai debiti e al declino, e in cui ci siamo sentiti sempre più messi da parte e ignorati”. Infatti, è da quando i Glazer sbarcarono a Manchester nel 2005 che i tifosi dello United contestano la società: fu in quell’anno che un gruppo decise di abbandonare il club e fondarne uno proprio, il FC United of Manchester.

Il malcoltento, inizialmente placatosi grazie ai successi di Ferguson, è ripreso negli ultimi otto anni, dopo l’addio del tecnico scozzese. Da allora, i Red Devils hanno speso moltissimi soldi senza riuscire a costruire un progetto veramente vincente: ha aggiunto alla bacheca appena cinque trofei (due Community Shield, una FA Cup, una Coppa di Lega e un’Europa League), perdendo il predominio cittadino.

LEGGI ANCHE: Manchester United, tutte le cessioni sbagliate: da Lingard a Lukaku

E nel frattempo la società si è riempita di debiti, pari attualmente a 487 milioni di sterline (oltre 562 milioni di euro). Le proteste sono lentamente tornate a infiammare gli spalti dell’Old Trafford, in particolare verso il presidente Ed Woodward, volto di una proprietà silente e totalmente disinteressata alle prestazioni del club.

Nel gennaio 2020, la tensione divenne tale che alcuni tifosi assaltarono la casa di Woodward a Manchester. Poi, lo scoppio della pandemia e l’allontanamento forzato dallo stadio hanno acuito il senso di isolamento e impotenza dei fan, e il progetto della Superlega, a cui il Manchester United voleva prendere parte, è stato la pietra tombale sul rapporto. I Glazer hanno provato a calmare le acque licenziando Woodward, ma questo gesto non è evidentemente bastato.

Le richieste dei fan alla proprietà del Manchester United

LEGGI ANCHE: La Superlega è ufficialmente sospesa

Il Supporters’ Trust, cioè l’associazione che riunisce tutti i gruppi della tifoseria del club, ha così inviato una lettera alla famiglia Glazer (in particolare a Joel Glazer, uno dei figli del proprietario Malcolm, co-presidente del club e pertanto ritenuto il membro della famiglia maggiormente impegnato nella gestione del Manchester United), spiegando la situazione e facendo alcune richieste.

Fonte immagine: profilo Ig @LukeShaw

Innanzitutto, un incontro con la proprietà, per discutere faccia a faccia. Poi, una serie di proposte, incentrate sul ribilanciamento dei poteri all’interno del club in favore dei tifosi. Questa idea si lega anche a un nuovo progetto al vaglio da parte del governo britannico, sul modello della legge del 50%+1 dei club tedeschi.

LEGGI ANCHE: Dietro il “no” alla Superlega ci sono anche dei motivi politici

Viene anche richiesto di nominare fin da ora dei dirigenti indipendenti, il cui compito sarà quello di proteggere gli interessi dei club e non quelli della proprietà. I tifosi, oltre a volere una gestione più democratica ed equilibrata della società, vogliono poter essere interpellati nelle decisioni fondamentali sul futuro del Manchester United, e in particolare in merito all’innalzamento del costo dei biglietti, un problema divenuto ormai centrale per molte associazioni dei tifosi in Europa.

Seguici sul nostro sito, resta aggiornato CLICCA QUI e contattaci sui nostri social: InstagramFacebookTwitter e Flipboard! Inoltre, ascolta il nostro Podcast su Spotify!

Exit mobile version