mercoledì, Aprile 24, 2024

Muniain, l’addio di una leggenda del calcio basco

Iker Muniain non è certo stato uno...

Perché il Milan vuole Van Bommel in panchina?

Il Milan vira su Mark Van Bommel...

Per le big d’Europa non è facile trovare un nuovo allenatore

Le big europee stanno incontrando più difficoltà...

Lucio Dalla e il calcio: un amore infinito

CuriositàLucio Dalla e il calcio: un amore infinito

Lucio Dalla nasceva esattamente 80 anni fa: è stato un grande cantautore, ma anche un tifoso e di calcio. Ecco la storia del suo rapporto col pallone.

Uno degli ultimi cantori dello sport, a 360°. Lucio Dalla, che nasceva a Bologna il 4 marzo 1943 (data che è anche titolo di una delle sue più note canzoni), esattamente 80 anni, è noto per aver spesso dedicato brani al mondo dello sport. A quello dei motori in particolare, con opere come Nuvolari e Ayrton, e d’altronde parliamo di un cantautore che ha corso ben tre volte la Mille Miglia.

Tra le sue grandi passioni c’era anche la pallacanestro, con il tifo per la Virtus Bologna e alcune celebri frasi (“Sono il più grande playmaker di sempre, ma mi frega l’altezza”). E ovviamente anche il calcio, con cui il cantautore scomparso il 1° marzo 2012 ha sempre avuto un ottimo rapporto.

Lucio Dalla e il calcio

Il Bologna ovviamente, e come potrebbe essere diversamente? In realtà, lo stesso Dalla ha confessato che negli anni Sessanta ebbe una “sbandata” per il Milan, quando nel 1963 la squadra allenata da Nereo Rocco conquistò la Coppa dei Campioni. “Milan e Benfica, Milano che fatica” cantava infatti nel brano Milano, incluso nell’album Lucio Dalla del 1978, citando la finale di coppa.

Un breve tradimento, perché presto il cantante emiliano tornò a seguire solo i rossoblù della sua città, che nel 1964 conquistavano uno storico scudetto. Non stupisce allora che nel 1988 abbia collaborato alla realizzazione dell’inno del Bologna, Le tue ali Bologna, scritto e cantato da Andrea Mingardi con la collaborazione, appunto, di Dalla, Gianni Morandi e Luca Carboni.

Assieme a Morandi, Lucio Dalla aveva anche realizzato nello stesso anno un disco, chiamato semplicemente Dalla/Morandi, la cui cover mostra una foto dei due cantanti che scendono in campo in tenuta da calciatori. Dieci anni dopo, in rossoblù passava, fugacemente ma indimenticabile, Roberto Baggio, e Dalla non poteva esimersi a dedicare al Divin Codino uno dei suoi celebri ritratti in musica: Baggio Baggio è uscito nel 2001, incluso nell’album Luna Matana.

Sempre presente al Dall’Ara per seguire il Bologna, Lucio Dalla non è stato dunque solo un cantautore iconico della storia della musica italiana, ma anche un tifoso destinato a restare per sempre un pezzo della storia del club rossoblù. Che infatti ha presenziato al suo funerale con squadra e dirigenti.

funerali lucio dalla bologna di vaio pioli
Marco Di Vaio e Stefano Pioli ai funerali di Lucio Dalla, nel 2012. (Image Photo Agency)

Potrebbe interessarti anche:

Check out other tags:

Gli articoli più letti