Infortunio McKennie: come sta l’americano e quando rientra

Infortunio McKennie
Fonte: Image Photo

Infortunio McKennie le notizie sulle condizioni dell’americano, i tempi di recupero e quante partita salta

La Juventus vince a Lecce, riuscendo a ripartire dopo la durissima sconfitta col Benfica che ha portato all’eliminazione dalla Champions League. Tre punti fondamentali, conquistati grazie a un colpo di Fagioli, una magia che nasconde anche un’altra prestazione non convincente. Nonostante la vittoria, la Juventus sembra essere molto lontana dal risolvere i propri problemi e in aggiunta Allegri continua a perdere pezzi.

Con diversi giocatori ai box, dai lungodegenti Chiesa e Pogba fino ai più recenti Vlahovic, Bremer e Paredes, la Juventus perde ora anche Weston McKennie, infortunatosi proprio nella gara del Via del mare. Stando a quanto comunicato dal giornalista Romeo Agresti, lo statunitense ha riportato un problema al retto femorale. Un problema che, di fatto, mette la parola fine al 2023 di Weston McKennie.

Quando torna McKennie

Stop di 15 giorni per l’ex Schalke 04 e quindi, almeno sulla carta, il 2022 dell’americano è terminato. Lo staff juventino proverà a recuperarlo almeno per l’ultima partita dell’anno, in casa contro la Lazio il 13 novembre, ma al momento sembra davvero difficile un recupero. McKennie salterà, dunque, le sfide contro il Psg, con l’Inter e col Verona e, a meno di miracoli, anche la gara con la Lazio.

Il rientro in campo di McKennie è previsto, dunque, per il primo match dopo la sosta per i mondiali, ovvero l’impegno della Juventus sul campo dell’Udinese. Una brutta perdita per Allegri, che deve fare a meno di un altro pezzo per queste ultime gare. Saranno sfide fondamentali per la Juventus, che in Champions ha il compito di centrare almeno il terzo posto, valido per gli spareggi di Europa League, e in campionato è chiamata non solo a recuperare punti, ma anche a dare segnali forti nelle sfide delicate contro Inter e Lazio. Un ciclo molto impegnativo, che Max Allegri deve affrontare senza McKennie.