Infortunio Arnautovic: quanto torna e tempi di recupero

arnautovic
Fonte: Image Photo

Infortunio per Arnautovic del Bologna: quanto torna l’attaccante austriaco fermo ai box da tempo: il suo rientro pare molto complicato

Brutte notizie per i tifosi del Bologna e anche per i fantallenatori che hanno scommesso su di lui, dopo le 14 reti dello scorso campionato. Marko Arnautovic è ancora fermo ai box per il suo ultimo infortunio, e il suo rientro in campo non pare purtroppo essere vicino. Il 33enne attaccante austriaco, autore di 8 gol in 14 partite fin qui, si è infatti infortunato durante il match di mercoledì 4 gennaio, alla ripresa della Serie A contro la Roma. Nei giorni successivi, il Bologna ha comunicato che Arnautovic aveva riportato un trauma contusivo-distorsivo dell’avampiede destro. Da allora non lo si è più rivisto in campo, saltando dunque le sfide contro Atalanta, Udinese, Lazio (in Coppa Italia) e Cremonese. E le notizie sul suo rientro latitano: teoricamente dovrebbe tornare a disposizione a fine gennaio, saltando ancora la gara contro lo Spezia di venerdì, e tornando in squadra per la sfida contro la Fiorentina del 5 febbraio. La pratica però è ben diversa, e sia dal Bologna che da diretto interessato non arrivano notizie convincenti.

Infortunio Arnautovic quando torna? La risposta sorprendente

Thiago Motta, interrogato a riguardo, si limitato a dire che l’attaccante “non è ancora con noi”, ma successivamente ha aggiunto di essere “molto contento di quelli che giocano al suo posto”. Una frase che a molti è sembrata una delegittimazione del ruolo di Arnautovic nel Bologna, da ricollegare a precedenti screzi tra allenatore e giocatore. Ai dubbi e ai misteri sul rientro dell’austriaco si aggiungo le sue stesse parole, dette ai giornalisti lunedì pomeriggio: “Lo sa solo Dio quando torno…”. Parole non proprio incoraggianti, specialmente da parte di un giocatore che, a rigor di logica, sta svolgendo il lavoro differenziato in allenamento e si presume possa rientrare in meno di una settimana. Al Bologna, intanto, si resta in attesa e col fiato sospeso.