Home Calcio Estero Conor McGregor vuole il Manchester United

Conor McGregor vuole il Manchester United

Fonte immagine: profilo Ig @Conor MCGregor

Conor McGregor vuole comprare il Manchester United. No, non è l’ultima trovata pubblicitaria, ma quanto emerge da una sessione di Q&A sul suo account Twitter ufficiale.

Iniziata nel mese di aprile con un tweet relativo al desiderio di acquistare un club sportivo, la strada intrapresa da McGregor verso la partecipazione attiva in una società come il Manchester United ha tappe ben precise, sfociate nella risposta via social ad un tifoso dei Red Devils. 

Al netto del patrimonio del campione UFC e del costo del Manchester United però, occorre fare chiarezza sull’attuale situazione delle due parti. 

Leggi anche: Dissapori tra Adidas e Manchester United, che cosa sta succedendo?

Conor McGregor può comprare lo United?

A livello personale sicuramente no. Secondo il report annuale di “People with Money”, il patrimonio stimato di Conor McGregor si aggira sui 280 milioni di sterline, al netto di sponsor e futuri introiti pubblicitari già calcolati tra il 2020 e il 2021. 

LEGGI ANCHE: Tifosi Liverpool contro la Superlega: proteste ad Anfield e a Leeds

Una cifra sicuramente consistente che però è molto lontana dal costo che Forbes ha stimato per il Manchester United: almeno 3 miliardi di dollari. 

Di conseguenza – come riportato dal The Independent – Conor McGregor potrebbe permettersi il Manchester United solo attraverso una partnership con qualche fondo internazionale interessato all’acquisto, rivestendo un ruolo di primo piano solo in virtù della propria immagine pubblica. 

Leggi anche: Le proteste dei tifosi dello United, che cosa chiedono i supporters

Nonostante questi ostacoli pratici però, la notizia ha comunque fatto il giro di tutta Manchester e dell’Inghilterra intera, complice l’insofferenza dei tifosi dei Red Devils, ormai giunta al suo apice storico. 

Il tweet di McGregor

Se dunque dalle parti di Manchester i tifosi sono in aperta rivolta contro la famiglia Glazers – tanto da essere intervenuti lo scorso 3 maggio per bloccare la partita contro il Liverpool e protestare contro la gestione degli ultimi quindici anni del proprio club – ecco che le parole di McGregor hanno infiammato coloro che sperano in un cambio alla guida della società.

“Celtic e Manchester United sono le squadre che mi piacciono di più. Ma sono aperto a suggerimenti. Sento di essere in grado di essere di grande beneficio per qualsiasi club e credo di poter fare belle cose.”

Frase da social che il campione irlandese ha fatto seguire a una precedente affermazione, in cui riporta come effettivamente sia possibile un suo ingresso nel mondo del calcio:

“Ad essere onesti, abbiamo aperto negoziazioni col Celtic. C’è la possibilità di acquistare azioni da Dermot Desmond. Sono decisamente interessato ad avere una squadra di calcio prima o poi!”.

LEGGI ANCHE: Manchester United e Adidas ai ferri corti: cosa è successo

Le proteste dei tifosi dello United

Ne abbiamo scritto qui, perché ciò che sta succedendo a Manchester ha una valenza sociale oltre che sportiva. Dal 2005 – anno di arrivo dei Glazer al comando dello United – la società ha accumulato debiti per 487 milioni di sterline, iniziando anche un lento declino a livello sportivo. 

Negli ultimi otto anni, dopo la fine dell’era Ferguson, il club ha aggiunto alla propria bacheca solamente 5 trofei, mostrando come la mancanza di progettazione e di attenzione ad un club storico e importante come lo United caratterizzi la gestione dei Glazers. 

I tifosi hanno recentemente inviato anche una lettera a Joel Glazer, figlio di Malcom e vice presidente del club, per esporre i propri punti di vista e cercare una mediazione. 

Leggi anche: Quando si giocherà Manchester United – Liverpool  

Dopo gli assalti alla casa dell’ex Presidente Ed Woodward (dimessosi dopo la faccenda Superlega) nello scorso mese di gennaio e le proteste di aprile riguardo la situazione Superlega, questo sembra il momento di trovare una soluzione, anche perché gli eventi di domenica 3 maggio non devono diventare la norma in casa United. 

Per questo, la suggestione-McGregor ha infiammato i social per qualche ora, nell’attesa che il campione irlandese scelga dove investire la propria fortuna. 

Fonte: @IsaacWaihenya (Twitter)

Seguici sul nostro sito, resta aggiornato CLICCA QUI e contattaci sui nostri social: InstagramFacebookTwitter e Flipboard! Inoltre, ascolta il nostro Podcast su Spotify!

Ricevi i nostri articoli su Telegram
Exit mobile version