Home Curiosità Le clausole rescissorie più alte della storia del calcio

Le clausole rescissorie più alte della storia del calcio

Fonte immagine: @BarcaUniversal (Twitter)

Quali sono le clausole rescissorie più alte della storia del calcio? Il rinnovo di contratto di Pedri col Barcellona ha appena conquistato la prima posizione in classifica, ma cosa c’è dopo?

Leggi anche | Golden Boy 2021: la short list con Bellingham e Pedri

Le cose non vanno benissimo in campo, ma il Barcellona ha stabilito un nuovo record: nel rinnovo di contratto della stellina Pedri è stata infatti inserita una clausola rescissoria da 1 miliardo di euro, la più alta mai approvata per un giocatore in tutta la storia del calcio.

Una decisione senza dubbio dettata dal bisogno di voler difendere il centrocampista, perno del Barça del futuro, dagli assalti delle big europee, e in particolare del Newcastle, ma nulla di insolito per il club blaugrana, che spesso ha fatto notizia per le clausole faraoniche proposte ai propri giocatori. Vediamo allora la top 10 delle clausole rescissiorie più alte della storia.

Le clausole rescissorie più alte di sempre

Leggi anche | Bale al Newcastle? Già scelto il primo super colpo

Gareth Bale (Real Madrid) – 500 milioni di euro

Oggi Bale non è più tra i calciatori migliori al mondo, ma intorno alla metà del decennio scorso era ritenuto avere pochi eguali. Il Real Madrid lo aveva acquistato nel 2013 dal Tottenham sborsando 100 milioni di euro, e il gallese era subito stato decisivo nella conquista della decima Champions League. Così, nel 2016 il suo contratto fu rinnovato con quella che, all’epoca, era la clausola rescissoria più alta di sempre.

La rovesciata di Bale che ha deciso la finale della Champions 2018: per molti la crisi del Real comincia da qui.
Fonte Immagine: @singhabhi9696 (Twitter)

Leo Messi (Barcellona) – 700 milioni di euro

La battaglia tra Real e Barcellona si è giocata anche sul fronte delle clausole rescissorie più alte: nel 2019, infatti, il club blaugrana rinnovò la sua stella con uno dei contratti che, a posteriori, hanno fatto più discutere. Infatti, più di recente le cifre dell’accordo sono state oggetto di critiche a fronte della grave crisi economica del club, che la scorsa estate ha per giunta perso Messi a zero.

Leggi anche | Messi via dal Barcellona, solo una questione di soldi? Le rivelazioni di Guerra

Marco Asensio (Real Madrid) – 700 milioni di euro

Altra clausola molto dibattuta: il Real la sottopose all’allora 21enne centrocampista offensivo nel 2017, con l’intento di scoraggiare Manchester City e PSG e proteggere quello che era ritenuto uno dei migliori giovani in Europa. Peccato che da quel momento lo spagnolo non abbia sempre dimostrato di valere così tanti soldi, e le ultime notizie lo danno come possibile partente nel prossimo mercato.

Isco (Real Madrid) – 700 milioni di euro

Contemporaneamente al rinnovo astronomico di Asensio, il Real Madrid trovava l’accordo per un nuovo contratto anche con Isco, uno dei più forti centrocampisti al mondo, portando anche lui in cima alla classifica dei giocatori con le clausole rescissorie più alte al mondo. Da lì in avanti, la carriera dello spagnolo ha però vissuto un crollo incredibile, e a 29 anni Isco non è oggi nemmeno lontanamente paragonabile a ciò che era all’epoca. Quel contratto, intanto, andrà in scadenza il prossimo giugno.

Leggi anche | Isco sul mercato: stipendio e costo, chi può permetterselo?

Brahim Diaz (Real Madrid) – 750 milioni di euro

Più di Messi: la clausola affibbiata nel 2019 al talento ispano-marocchino fece molto scalpore e attirò grandi attenzioni su di lui, anche perché aveva solo 19 anni e aveva giocato solo poche partite tra i professionisti, quando il Real Madrid lo strappò per 17 milioni al Manchester City. Il record però è servito a poco, dato che Diaz non ha mai avuto spazio fino a che non è stato prestato l’anno scorso al Milan, dove gioca anche in questa stagione.

Fonte: Insidefoto

Iscriviti al nostro canale YOUTUBE

Federico Valverde (Real Madrid) – 750 milioni di euro

A 23 anni Federico Valverde è già un intoccabile del Real Madrid, prima con Zidane e oggi con Ancelotti: status confermato dal nuovo contratto siglato lo scorso agosto, con scadenza al 2027 e una nuova clausola rescissoria tra le più onerose in circolazione. La speranza di tutti, Merengues in primis, è che l’uruguayano non subisca lo stesso destino dei suoi predecessori.

Leggi anche | Il futuro del Real Madrid passa da lui: inizio top per il nuovo acquisto

Luka Modric (Real Madrid) – 750 milioni di euro

Nell’estate 2018 si parlava di un possibile trasferimento di Modric dal Real Madrid all’Inter, m ci pensò Florentino Perez a spegnere l’entusiasmo dei tifosi nerazzurri, rivelando che l’unica offerta accettabile per il croato era quella apri alla clausola da 750 milioni. Oggi Modric gioca ancora a Madrid, e pochi mesi fa ha prolungato il suo accordo con i Blancos fino alla prossima estate.

Antoine Griezmann (Barcellona) – 800 milioni di euro

Non male, per un giocatore tradizionalmente ritenuto un pessimo affare per il club blaugrana: arrivato a Barcellona nel 2019 dall’Atletico Madrid a fronte di 120 milioni di euro spesi per il solo cartellino, Griezmann ha realizzato appena 36 gol e 17 assist in due stagioni, senza mai dare l’impressione di poter essere un giocatore determinante per la squadra. Quest’anno è stato rimandando in prestito all’Atletico.

Leggi anche | Griezmann, 3.42 milioni di euro per ogni gol: l’ennesimo fallimento del Barcellona

Karim Benzema (Real Madrid) – 1 miliardo di euro

Nulla da dire: Benzema è uno dei più forti attaccanti al mondo, nonostante l’avanzare dell’età, e nella sua lunga permanenza al Real Madrid ha avuto la meglio di tanti rivali per il posto da titolare. Arrivato in Spagna nel lontano 2009 dall’Olympique Lione, nel 2017 ha rinnovato con una meritatissima clausola record nel contratto, anche se poi lo scorso agosto l’accordo è stato esteso nuovamente fino al 2023.

Fonte immagine: @SajjadA98028727 (Twitter)

Pedri (Barcellona) – 1 miliardo di euro

A ottobre 2021 anche il talento canarino del Barça si è aggiunto al ristretto club dei giocatori con prezzo fissato a 1.000 milioni di euro, eguagliando la stella club rivale. Un traguardo non da poco per un ragazzo di soli che compirà 19 anni a fine novembre, anche se ormai è un punto di riferimento assoluto per la manovra del Barcellona, che lo ha acquistato nel 2019 per 20 milioni dal Las Palmas.

Leggi anche | Pedri, statistiche e stipendio: quanto guadagna il talento del Barcellona?

Siamo su Google News: tutte le news sul calcio CLICCA QUI

Exit mobile version