Home Curiosità Chi è Lorenzo Minotti: bandiera del Parma e vicecampione del mondo

Chi è Lorenzo Minotti: bandiera del Parma e vicecampione del mondo

Fonte: profilo ufficiale Instagram @_lorenzominotti

Chi è Lorenzo Minotti, bandiera del Parma, vicecampione del mondo con l’Italia, oggi seconda voce a Sky Sport.

Ripercorriamo la carriera di una delle più celebri voci di Sky, Lorenzo Minotti, dai suoi esordi col Cesena all’affermazione col Parma, dal sogno azzurro negli Stati Uniti fino al ritiro e all’avventura come commentatore tecnico.

LEGGI ANCHE: Battute, proposte e futuro: Allegri si prepara a tornare in panchina

I primi passi di Lorenzo Minotti

Nato a Cesena l’8 febbraio 1967, Minotti muove i primi passi del mondo del calcio proprio con la squadra della propria città. Dalle giovanili, con cui vince un campionato nell’85-86, fino all’esordio in Serie B nella stagione 1986-1987, in bianconero colleziona 14 presenze nella sua prima avventura tra i grandi.

LEGGI ANCHE: Chi è Paolo Nicolato, CT dell’Under 21

Nell’ottobre 1987 arriva il trasferimento al Parma, che al tempo militava in Serie B. Minotti diventa subito una pedina importantissima per i ducali, mettendo a referto bene 27 presenze nella sua prima stagione in gialloblù, trovando anche il primo gol in carriera nel pareggio interno 2-2 con l’Udinese il 17 aprile 1988.

LEGGI ANCHE: Come procede l’ambientamento di Gaich in Serie A

LEGGI ANCHE: Addio Scudetto? I numeri impietosi della Juventus

Difensore centrale solido, all’occorrenza anche terzino, nella stagione 1989-1990 contribuisce in maniera significativa a riportare il Parma in Serie A. In tre stagioni tra i cadetti Minotti fa segnare 97 presenze, condite da ben 10 gol. Stagione magica la 1988-89 dal punto di vista realizzativo, visto che il difensore mette a referto ben 7 reti.

Fonte: profilo ufficiale Instagram @_lorenzominotti

Gli anni d’oro gialloblu

Il 9 settembre 1990 arriva dunque l’esordio in Serie A per Lorenzo Minotti, da colonna portante e capitano del Parma che sarà una delle grandi protagoniste dell’ultimo decennio del XXI secolo del calcio italiano.

Con i ducali il difensore vince una Coppa Italia, una Coppa UEFA, una Coppa delle Coppe e una Supercoppa UEFA. Il primo trofeo arriva nel 1992, quando i ducali battono in finale la Juventus, perdendo la gara d’andata a Torino 1-0, ma vincendo 2-0 al Tardini.

LEGGI ANCHE: Totti, i dieci gol più belli della sua carriera

Gli anni successivi sono memorabili, per il Parma e per Minotti. La squadra di Nevio Scala, una delle più forti della storia del calcio italiano, vince nel 1993 la Coppa delle Coppe battendo in finale per 3-1 l’Anversa, col gol proprio del capitano che apre le danze al 9′, prima del pareggio dei belgi e dei gol decisivi di Melli e Cuoghi.

Nel febbraio 1994 arriva anche la Supercoppa UEFA, vinta contro il Milan. 1-0 per i rossoneri all’andata con gol di Papin, 2-0 per i crociati al ritorno col gol decisivo di Crippa ai supplementari. Un’altra coppa vinta in rimonta con emozioni a non finire.

LEGGI ANCHE: Classifica tiri in porta Serie A: squadre e giocatori

La ciliegina sulla torta è la vittoria della Coppa UEFA nel 1995, battendo in finale la Juventus con un 1-0 all’andata e 1-1 al ritorno. Questa stagione è un po’ il canto del cigno per Minotti, che l’annata successiva trova meno spazio e nell’ottobre 96 saluta Parma, dopo aver collezionato in 9 stagioni 355 presenze e 35 gol.

Il ritiro di Minotti

Dopo l’addio al Parma, Minotti gioca una stagione al Cagliari in Serie A, per poi passare al Torino dove però non trova quasi mai spazio. Nell’estate del 2000 passa al Treviso, dove chiude la carriera al termine di un’ultima stagione giocata da titolare, con 28 presenze e 3 gol.

Dopo il ritiro l’ex difensore torna nel suo Parma, dove ricopre la carica di direttore sportivo dal 2002 al 2004. Nel 2007 invece diventa direttore responsabile dell’area tecnica del Cesena, rimanendo nell’organigramma dei bianconeri fino al 2012 tra alti e bassi e diverse vicissitudini.

LEGGI ANCHE: Roberto Soriano: rendimento da Nazionale

Dalla stagione 2014-2015 intraprende la propria carriera da commentatore sportivo per Sky Sport.

 

Il sogno mondiale

Una grande parentesi della carriera di Minotti è sicuramente quella con la Nazionale. La sua prima convocazione arriva il 14 ottobre 1992, ma l’esordio arriva il 16 febbraio 1994 contro la Francia.

Prende parte alla spedizione mondiale negli USA nell’estate 94, una grande cavalcata che ha portato la Nazionale azzurra a un passo dal titolo mondiale. Il sogno, come ben si sa, è sfumato solo ai rigori contro il Brasile in finale, con l’errore decisivo di Roberto Baggio.

Negli Stati Uniti Minotti non è però mai sceso in campo, è l’unico giocatore, insieme a Bucci, a non aver mai giocato nemmeno un minuto di quel mondiale. Resta però la soddisfazione per la grande avventura della propria Nazionale.

Exit mobile version